Recensione “Diarianna”

Titolo: Diarianna

Autore: Marco Giordano

Casa Editrice: Kimerik

Pagine: 194

Prezzo Cartaceo: 14,00 €

Prezzo eBook: 4,19 €

Trama

Diarianna è un viaggio emotivo nei meandri della prematurità, fenomeno di cui si rileva la discrepanza tra la sua ampia diffusione (un bambino su dieci nasce pretermine) e la sua scarsa conoscenza, motivo per cui questo libro si propone di essere anche un testo informativo sull’argomento. È un percorso cronologico attraverso le dinamiche tecniche e affettive della terapia intensiva neonatale, fatta di professionisti – medici e infermieri in primis – ma anche di paure, incognite, solidarietà, conquiste, sconfitte e, soprattutto, speranza. Speranza che vuole essere il sentimento principale da infondere nel lettore, soprattutto se si tratta di genitori catapultati in questo mondo sconosciuto come capitato a Marco e Lara. Loro, scaraventati improvvisamente tra le mura dell’ospedale di Patti, hanno avuto il privilegio, se così si può dire, di assistere allo sviluppo gestazionale di Arianna fuori dal ventre materno, dentro quella pancia di plastica chiamata incubatrice, come in “un’ecografia h24 a colori e in 4D!”. E allora Arianna prende la parola, sintetizzando pensieri, emozioni, sensazioni, avvenimenti, stati d’animo propri o di chi le è stato accanto, accompagnandoci in questo cammino non solo fisico, ma che, per gli spunti di riflessione che ci offre, possiamo definire anche interiore.

Commento

Il libro narra la storia, se così si può dire, di Arianna, una bambina nata prematura che ancorata a quel cordone ombelicale si vede scaraventata fuori in un mondo che non conosce. La particolarità del racconto è che tutta la storia non viene raccontata come si potrebbe così pensare dal punto di vista dei genitori bensì dalla bambina che da voce a tutti i pensieri e le preoccupazioni che ruotano attorno a questo mondo. Ciò che più mi ha colpita durante la lettura é che Arianna da voce non solo ai suoi di pensieri e sensazioni ma impara piano piano a percepire anche i sentimenti dei genitori e del personale del reparto, passando da momenti di sconforto e paura a momenti di gioia e speranza. Durante la lettura si percepisce bene come l’autore Marco Giordano abbia voluto instaurare nel lettore un messaggio di speranza a coloro che hanno vissuto o si trovano in una situazione del genere. La lettura é molto coinvolgente e seppur in molti passaggi abbia un senso di pesantezza dovuto più che altro a ciò che si sta raccontando, risulta molto scorrevole e lineare.

Ció che mi é piaciuto molto é come l’autore attraverso i pensieri di Arianna è riuscito a descrivere bene il reparto della TIN in maniera molto precisa arrivando persino a far sentire al lettore quell’odore di asettico e sterile tipico degli ospedali. Non meno sbalorditivo é stata la descrizione dei genitori e di tutto il personale del reparto che sempre attraverso i pensieri di Arianna é riuscito bene ad identificare ognuno di loro negli aspetti fisici e caratteriali.

Ho apprezzato molto come ogni capitolo era una conquista alla ripresa della piccola anche se in alcuni momenti non era del tutto scontato, anzi mi ha fatto pensare anche al peggio.

Devo dire che ciò che mi ha portato ad apprezzare molto questa lettura è stato proprio il messaggio che ha voluto lasciare Arianna che ha lottato con tutta sé stessa legata ad un filo tra la vita e la morte, che la speranza non deve mai e poi mai venire meno e che anche quando si sta precipitando bisogna sempre trovare il coraggio di arrampicarsi a qualsiasi cosa pur di risalire e arrivare vittoriosi.

Consiglio la lettura? Assolutamente si, ma non solo a chi si trova o si è trovato in una situazione del genere ma a tutti perché come vi ho già detto é un libro pieno di speranza e magari chissà se dalle parole di Arianna non possiate trovare la forza e il coraggio che caratterizza la nostra protagonista per affrontare una situazione che magari vi sta particolarmente a cuore.

⭐⭐⭐⭐

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: