Il nostro momento imperfetto

Titolo: Il nostro momento imperfetto

Autore: Federica Bosco

Casa Editrice: Garzanti

Pubblicazione: 27 settembre 2018

Pagine: 297

Prezzo cartaceo: 17,90 €

Prezzo eBook: 7,99 €

Trama

La vita non rispetta mai i piani che decidi tu. E Alessandra lo ha scoperto a sue spese e nel peggiore dei modi. Credeva di avere tutto sotto controllo: il suo amato lavoro come professoressa di fisica all’università, una famiglia impegnativa ma sempre presente, e un uomo solido accanto con cui pensare al futuro. Una esistenza senza troppi scossoni che, varcata la soglia dei quarant’anni, ti regala quella stabilità agognata a lungo. Stabilità che credi di meritarti. Fino al giorno in cui il suo castello di carte crolla a causa di un colpo di vento inaspettato. Un colpo di vento che spalanca la finestra, gonfia la tenda e butta giù tutti gli oggetti rigorosamente ordinati sulle mensole. Un colpo di vento che abbatte la sua relazione d’amore e una buona dose delle sue certezze di donna, insieme alla fiducia, la stima e l’illusoria certezza di conoscere l’altro. E allora meglio tirare i remi in barca, meglio smettere di provare, ricominciare, mettersi in gioco, quando il dolore è tanto forte da paralizzarti. Invece è proprio fra quei dettagli ormai stonati della sua vita che le cose succedono, e l’improvvisa custodia dei nipoti, deliziosi e impacciatissimi nerd, le regala una maternità che arriva quando ormai il desiderio era stato da tempo riposto in soffitta. Porta con sé anche una rivoluzione imprevista fatta di domande, richieste d’affetto e rassicurazione e lezioni in piscina osservate con orgoglio dagli spalti. Ed è proprio tra quegli spalti che incontra Lorenzo con i suoi modi gentili e il suo ottimismo senza freni. Lorenzo e il suo divorzio ancora fresco, una ex moglie malvagia come una strega e una figlia adolescente capricciosa e viziata. Tante cose li accomunano, ma tante li dividono. Perché è poco per loro il tempo da dedicare all’amore. Perché ci vuole coraggio per ricalcolare il percorso e azzardare un cammino alternativo e sconosciuto, che rischia di portarti fuori strada, ma anche a vedere panorami inaspettati e bellissimi. Perché a volte la felicità risiede nella magia di un momento imperfetto. Dopo lo straordinario successo di Ci vediamo un giorno di questi, per mesi in cima alle classifiche, Federica Bosco torna dai suoi lettori che vivono delle sue storie. Un nuovo romanzo che sfata il mito della perfezione per ridare vita alle scelte sbagliate, agli errori, alle cadute. Perché non c’è un tempo giusto o uno sbagliato per amare, perdonare, cambiare, vivere. C’è il tempo dettato da ognuno di noi con il suo personale e magico rintocco.

Commento

Il libro presenta la storia di Alessandra una donna che crede di avere tutto ciò che ha sempre desiderato: un lavoro come professoressa di fisica all’università, una famiglia un po’ strampalata ma comunque presente nella sua vita, specie Apollo e Tobia, i suoi amati nipoti e una vita sentimentale semplice ma felice insieme a Nicola. Tutto procedeva nella solita quotidianità della vita fino a quando un bel giorno la nostra protagonista vedrà andare in frantumi tutte le sue certezze a causa di un messaggio scoperto sul cellulare del suo Nicola. Il tradimento non con una ma bensì con diverse donne porterà Alessandra a rimanere da sola con le sue mille domande e diversi sensi di colpa, pagina dopo pagina ci troveremo difronte ad una donna che passerà ogni fase che determina la fine di hn rapporto: odio, tristezza, dolore, incazzatura e persino ricaduta, ebbene si diventerà anche l’amante di Nicola. Consapevole che nulla sarà come prima, riesce a “tornare nel mondo dei vivi”, simulando la felicità per qualche ora al giorno, soprattutto a beneficio della madre, che non sopporta i depressi e non si è risparmiata, in passato, critiche e perplessità sulla relazione della figlia. Del resto, trovare conforto in famiglia non è facile: se il padre è uno psicologo di rara mitezza e sensibilità, la sorella Gaia sembra nata per dare, fin da piccola, filo da torcere alla madre. Studi universitari interrotti, un lavoro nuovo ogni tre mesi, due figli – Apollo e Tobia – con due uomini diversi, entrambi nullatenenti, che l’hanno costretta a tornare a vivere con i genitori. E quando Gaia le chiede di tenere i nipoti per tre settimane, Alessandra non può dire di no e saranno proprio i due ragazzini, in maniera indiretta, a fare incontrare Alessandra e Lorenzo, un papà recentemente divorziato con una figlia adolescente che si atteggia già da prima donna e pensa che il mondo ruoti attorno a lei. L’ingrediente principale del libro è l’amore che però non viene trattato in maniera superficiale o come il classico amore da romanzo rosa: l’autrice predilige descriverlo come un sentimento capace di rendere migliori le persone, tutte le persone, anche quelle che a prima vista finirebbero direttamente nei casi irrecuperabili. Alessandra e Lorenzo si trovano, ad un certo punto, a dover badare a tre figli (Apollo, Tobia e Greta, la figlia di Lorenzo) ma non si fanno sconvolgere da tutti gli eventi e preferiscono puntare a capire cosa sia meglio per i tre ragazzi con l’unico scopo di restituire al mondo, un domani, due uomini e una donna in grado di trasferire amore a chiunque li circonderà. Il cammino che intraprenderà la coppia nel corso del libro sarà costellato di trappole ma ciò non impedirà loro di guadagnarsi, passo dopo passo la felicità.

La narrazione così come la lettura scorre in maniera quasi del tutto lineare passando da un sentimento di odio e sconforto a quello dell’amore più profondo.

L’autrice dà prova di grande maturità, in questo libro riesce persino a penetrare nelle pieghe più nascoste dell’animo umano, a raccontare con leggerezza sentimenti forti e situazioni difficili e a rischiarare con l’ironia anche le più complicate difficoltà della vita. Un esito decisamente convincente, frutto della consapevolezza che la trasformazione del dolore può avere esiti imprevedibili.

Consiglio questo libro? Assolutamente sì, specie a chi si trova o si è trovato in una situazione del genere così da prendere spunto dalla nostra protagonista a riprendere in mano la propria vita e ripartire più forti di prima. Di una cosa sono certa c’è chi può spezzati il cuore ma nessuno sarà mai in grado di far smettere di sognare.

⭐⭐⭐⭐⭐

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: